Il Tour de France 2024: Firenze, la Culla del Rinascimento, Accoglie la Grand Départ Storica

Sport e cultura, cultura e sport. Fin dalla nascita delle Olimpiadi, quando la supremazia culturale della Grecia si manifestava anche grazie alle armoniche dimostrazioni sportive dei suoi atleti, il contesto dell’evento è parte integrante dello stesso. E allora, quale miglior connubio, in questo senso, se non quello tra Tour de France e Firenze? Da una parte la competizione ciclistica per eccellenza, dall’altra la culla del Rinascimento, luogo dove si respira il senso dell’arte e del bello ad ogni angolo di strada.

Per la prima volta in 121 anni di storia, la “Grand Boucle” parte dall’Italia; i corridori, dopo Firenze, si dirigeranno verso l’Emilia-Romagna e termineranno la prima tappa a Rimini. Poi, prima di rientrare sul suolo transalpino, toccherà a Cesenatico, Piacenza e Pinerolo salutare il “peloton” per la seconda, terza e quarta tappa, con arrivi rispettivamente a Bologna, Torino e Valloire.

 

Il Programma del Grand Départ

Le date da segnare in agenda sono quelle dal 27 al 29 giugno, quando Firenze si trasformerà nel cuore pulsante del ciclismo mondiale. Si susseguiranno i consueti appuntamenti che porteranno al primo sparo della corsa:

  • Giovedì 27 giugno: Presentazione delle squadre al Piazzale Michelangelo e Palazzo Vecchio.
  • Sabato 29 giugno: Partenza dal Parco delle Cascine alle ore 12:00.
  • Sabato 29 giugno: Partenza istituzionale da Piazza della Signoria.
 

Oltre a questi eventi, in Piazza Santa Croce sarà predisposta un’area aperta al pubblico, con stand promozionali e pubblicitari. La città è ormai pronta a tingersi di giallo, il colore del Tour.

 

Il Percorso della Prima Tappa

Il percorso cittadino del 29 giugno sarà un viaggio emozionante attraverso i luoghi più iconici di Firenze:

  • Partenza: Piazzale delle Cascine
  • Itinerario: Viale degli Olmi, Piazzale Thomas Jefferson, Viale del Visarno, Via del Fosso Macinante, Via Luciano Berio, Piazza Vittorio Veneto, Viale Fratelli Rosselli, Piazzale di Porta al Prato, Via Curtatone, Lungarno Amerigo Vespucci, Piazzale Carlo Goldoni, Via della Vigna Nuova, Piazza di San Giovanni, Piazza del Duomo, Via dei Calzaiuoli, Piazza della Signoria (start istituzionale), Via Vacchereccia, Via Por Santa Maria, Ponte Vecchio, Via dei Guicciardini, Piazza dei Pitti, Piazza di San Felice, Via Romana, Piazza della Calza, Piazzale di Porta Romana, Viale Niccolò Machiavelli, Piazzale Galileo, Viale Galileo, Piazzale Michelangelo, Viale Michelangelo, Via Carlo Marsuppini, Via Coluccio Salutati, Piazza Gavinana, Viale Donato Giannotti, Viale Europa, Piazza Gastone Nencini, Viale Europa, Viale del Pian di Ripoli, Bagno a Ripoli (Viola Park, start ufficiale).
 

Omaggio a Gino Bartali

Il Grand Départ di Firenze passerà simbolicamente davanti al Museo del Ciclismo Gino Bartali di Ponte a Ema. Qui, il campione vincitore di 3 Giri d’Italia e 2 Tour de France è diventato un vero mito del ciclismo. Il museo ospita una vasta collezione di biciclette storiche, maglie, cimeli e documenti che celebrano le imprese di Bartali e di altri grandi ciclisti.

 

Un Legame di Passione e Storia

Firenze e l’Emilia-Romagna sono unite non solo geograficamente ma anche dalla passione per il ciclismo. Con campioni come Gino Bartali, Gastone Nencini e Marco Pantani, la tradizione ciclistica di queste terre è profondamente radicata. La scelta di Firenze come punto di partenza del Tour de France è un omaggio a questa eredità.

 

Chi Trionferà a Firenze?

Il timer di Piazza della Repubblica scorre velocemente ed è impaziente di dare i primi verdetti; chi trarrà maggior sorte dal passaggio per le immortali vie di Firenze? Sarà il danese Vingeegard, pronto a lottare per uno storico terzo successo consecutivo? Oppure sarà lo sloveno Pogacar, anche lui alla ricerca di una terza affermazione? Comunque vada, il mazzo di fiori che sarà consegnato al vincitore sugli Champs-Élysées, quest’anno, si adornerà anche del giglio bianco della nostra città.

E voi, siete pronti a godervi lo spettacolo?

 

Piaciuto l'articolo?

Continua a leggere i nostri articoli

Torna al Blog